CS/ A.C. Crema 1908 ha un fotoreporter ufficiale per la stagione 2015/2016

CS/ A.C. Crema 1908 ha un fotoreporter ufficiale per la stagione 2015/2016

Giulio Giordano seguirà la prima squadra nelle partite casalinghe e nelle trasferte

Nuovo arrivo all’A.C. Crema 1908. Il club nerobianco avrà un fotoreporter ufficiale per la stagione 2015/2016: Giulio Giordano, iscritto all’albo dei giornalisti – elenco pubblicisti dal 1991, noto in città per la collaborazione con i principali quotidiani del territorio e con alcune delle più prestigiose testate nazionali. I suoi scatti hanno immortalato le stagioni in Serie A dell’Us Cremonese oltre ai match dell’AC Milan e dell’A.C. Calcio Napoli.

«L’A.C. Crema 1908 è una società che riconosce il grande valore della professionalità dei collaboratori e la scelta di dotarsi di un fotoreporter ufficiale è coerente con la volontà di costruire un ambito di lavoro dove sono premiate le specializzazioni e le competenze», così Massimiliano Gnatta, direttore generale della squadra nerobianca. «Giulio Giordano è un professionista che per molti anni ha raccontato la storia della città e dello sport di Crema. Ha tutte le credenziali per far parte di una società che ha grandi ambizioni e non lascia nulla al caso. Ci seguirà durante l’intera stagione e le sue fotografie avranno il compito di esaltare i momenti più intensi ed emozionanti».

«Provo una grande soddisfazione» ha dichiarato Giulio Giordano, facendo il suo ingresso questa mattina nella sede dell’A.C. Crema 1908 «ringrazio la società che gode di un grande seguito in città. So di entrare a far parte di un’equipe seria e desiderosa di successi. Nella mia carriera il calcio ha avuto un ruolo molto importante. Un grande fotoreporter come Robert Capa diceva: ‘Se le vostre foto non sono abbastanza buone è perché non siete abbastanza vicino’. È così che ho sempre interpretato il lavoro: fare di tutto per essere nel luogo dove accadono le cose importanti. Ora voglio essere vicino all’A.C. Crema 1908 per vivere gli istanti più belli insieme ai tifosi, ai dirigenti e ai giocatori».

Giulio Giordano_Massimiliano Gnatta